Franceschini: il contemporaneo è anche un investimento su futuro

Il ministro in Parlamento: non solo la tutela del passato