Francesco Borrelli travolto da una moto, pensa a una vendetta per le sue denuncie

francesco borrelli
francesco borrelli

Venerd’ notte il consigliere regionale e deputato di Europa Verde, Francesco Borrelli, è stato investito sotto casa da una moto. Il motociclista alla guida, che indossava un casco integrale, è poi fuggito.

Francesco Borrelli investito sotto casa

Venerdì notte intorno alle 22,25 il consigliere regionale di Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli, è stato  aggredito nei pressi della sua abitazione. Lo riferisce lui stesso pubblicando su facebook una nota dove si ricostrurisce l’accaduto: “Borrelli si trovava davanti al suo garage, intento a posare lo scooter, quando una persona in moto con casco integrale lo ha investito di proposito. Il forte impatto ha fatto cadere il consigliere, che è rimasto incastrato tra il suo scooter e un’impalcatura. A quel punto l’investitore si è affiancato a Borrelli ma fortunatamente è sopraggiunto un tassista che si è fermato a prestare soccorso, pensando ad un incidente stradale, e proprio mentre il tassista aiutava Borrelli a rialzarsi, l’uomo in sella alla moto si è dileguato a tutta velocità”.

Non si esclude la vendetta trasversale

Sempre nello stesso comunicato il consigliere regionale – di recente eletto deputato quindi  dovrà a breve optare per una delle due cariche – non ha escluso che possa trattarsi di una vendetta trasversale per la sue battaglie.

“Ho sempre saputo che certe mie battaglie e denunce le avrei potute pagare caro, questa volta mi sono costate 21 giorni di prognosi e poteva andare anche peggio se non fosse prontamente intervenuto un tassista, che ringrazio di cuore” – scrive lui stesso a margine della nota – ” Certo, mi preoccupa la modalità con la quale queste intimidazioni vengono perpetrate, ma senza dubbio non arretrerò mai di un millimetro e anzi mi auguro che le mie azioni possano essere un punto di partenza e fare da sprone a tutti i cittadini, perché soltanto denunciando le malefatte che avvengono in questa città potremmo vivere una vita migliore. Negli anni hanno provato più volte a fermarmi con la violenza, non ci riusciranno mai” ha poi concluso.  L’esponenete dei Verdi aveva già subito un’aggressione nel 2019 da parte di un parcheggiatore abusivo.

Innalzato il livello di protezione

Intanto sarà innalzato il livello di protezione al consigliere regionale. “Stamattina mi ha telefonato alle 8 il questore di Napoli, Alessandro Giuliano, dicendomi che secondo lui è opportuno che sia innalzato il livello di protezione – ha detto  all’ANSA -. Prima dovevo comunicare i luoghi pubblici dove mi recavo che per me erano più a rischio, ora dovrò comunicare alla questura tutte le volte che esco, dove vado e tutte le volte che sono casa”.