Francesco, Giovanni Paolo II e Benedetto: 72 cardinali ogni Papa

Ska

Città del Vaticano, 12 ago. (askanews) - Con la morte del cardinale Sergio Obeso Rivera, arcivescovo emerito di Jalapa (Messico), 88 anni, avvenuta questa notte, il collegio cardinalizio raggiunge una peculiarità statistica, ossia la perfetta parità tra il numero di cardinali viventi nominati da Giovanni Paolo II, quelli nominati da Benedetto XVI e quelli nominati da Francesco. Fino ad oggi erano infatti 73 i cardinali nominati da Francesco, ma con la morte del porporato messicano, che era stato creato cardinale dal Papa regnante nel Concistoro del 28 giugno 2018, oggi diventano 72 - e sono 72 anche i cardinali nominiati dai suoi due predecessori. Statistiche che cambiano di peso, ovviamente, se anziché prendere in considerazione il numero dei cardinali tout court si considerano i soli cardinali elettori che, con meno di 80 anni, entrerebbero in un eventuale Conclave per eleggere il successore di Jorge Mario Bergoglio: ad oggi, sono 18 quelli nominati da Karol Wojtyla (mentre gli ultraottanteni sono 54), 44 quelli nominati da Joseph Ratzinger (28 gli ultraottantenni) e 57 quelli scelti da Francesco (solo 15 gli ultraottantenni, tra i quali, già al momento della nomina, vi era Obeso Rivera).