I francesi per il Futuro dell'Ue chiedono l'elezione diretta del presidente della Commissione

·2 minuto per la lettura

AGI - "Sobrietà energetica", un "esercito permanente" e un presidente eletto: i cittadini francesi consultati sul futuro dell'Europa si sono espressi a favore di un'Ue più potente, più ecologica e più unita, secondo i risultati dei rapporti di un'ampia consultazione popolare.

Quasi mille persone hanno espresso le loro aspettative sull'Europa nei dibattiti organizzati nelle 18 regioni della Francia durante un fine settimana di settembre nell'ambito della Conferenza sul Futuro dell'Europa. È stata inoltre condotta una consultazione online con 50 mila giovani francesi.

Nella top ten dei cambi di priorità, al primo posto c'è l'appello a “sviluppare la sobrietà energetica” e “consumare meno fermando il superfluo”, con la suggestione di una diminuzione del parco auto europeo e delle quote di consumo per settore.

Seguono il "rafforzamento della difesa e della sicurezza comuni dell'Ue", quello della "performance economica collettiva attraverso un'industria autonoma competitiva" e l'istituzione del "potere cittadino" con un maggiore ricorso alle iniziative dei cittadini.

Tra le proposte vi è la nomina di un Commissario europeo responsabile della difesa, la creazione di un "esercito permanente, reattivo e dispiegabile in qualsiasi parte del mondo" e infine l'elezione del presidente della Commissione europea a suffragio universale.

"Questo elenco di proposte sarà il contributo del cittadino francese alla Conferenza sul futuro dell'Europa", ha dichiarato il sottosegretario per gli Affari europei, Clement Beaune. Avviata in primavera in tutta Europa, questa vasta consultazione - che dovrebbe concludersi ad aprile o maggio, ha detto - consentirà l'emergere di linee guida e proposte di riforma per i prossimi dieci anni. "Sarà oggetto di un rapporto europeo e di un impegno politico da parte dei capi di Stato e di governo, di tutte le istituzioni europee", ha affermato Beaune. "La Commissione europea proporrà idee, riforme derivanti dai vostri contributi. Tutto questo sarà fatto a cielo aperto", ha promesso pur rilevando che non tutto sarà "forse non ripreso" né necessariamente "subito".

La Francia, che assumerà la presidenza dell'Unione europea nella prima metà del 2022, "terrà conto di tutto ciò" e "farà progressi il più possibile", ha assicurato. I cittadini consultati chiedono anche un'Europa che metta "l'istruzione in primo piano", "più vicina e più accessibile", con "identità condivise". "Ciò che è stato acclamato è ciò che funziona, è vicino ai cittadini: cultura, educazione, valori", ha riassunto l'ex ministra per gli Affari europei, Elisabeth Guigou.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli