In Francia 136 manifestazioni contro l'obbligo del Green pass

·1 minuto per la lettura

AGI - Diverse decine di migliaia di persone hanno manifestato sabato 17 luglio in tutta la Francia per protestare contro le vaccinazioni, denunciare la "dittatura" o criticare il passaporto sanitario, con il presidente Macron e le misure anti-Covid che ha recentemente annunciato come bersaglio della protesta.     

In totale, il Ministero dell'Interno ha contato 136 raduni che hanno coinvolto 114.000 persone: 18.000 a Parigi divisi in diversi cortei e 96.000 nel resto del paese. "Libertà", "Macron dittatore"... Dal nord al sud del Paese, gli slogan erano simili. 

A Parigi, la manifestazione principale di circa 10.000 persone è partita dal Palais-Royal prima di attraversare la Senna con gli slogan "Libertà", "No alla dittatura sanitaria" o "Macron si dimetta". Nella capitale, altri due raduni per un totale che sfiora i 20mila manifestanti

Il presidente Emmanuel Macron ha annunciato una serie di misure per incoraggiare fortemente i francesi a vaccinarsi, tra cui la generalizzazione della tessera sanitaria e un obbligo di vaccinazione per gli assistenti, per cercare di frenare la diffusione della variante Delta. Queste misure sono approvate da una larga maggioranza dei francesi, secondo un sondaggio dei giorni scorsi.    

 Il capo dello Stato vuole "mettere le restrizioni sui non vaccinati piuttosto che su tutti", dato che il pass sanitario permette alle persone di controllare se sono state vaccinate o meno all'ingresso di vari luoghi pubblici come caffè, ristoranti e centri commerciali

Queste nuove misure saranno presentate al Consiglio dei ministri il 19 luglio,  prima di una corsa parlamentare contro il tempo di fronte alla diffusione della variante Delta. L'obiettivo è di avere il testo definitivamente adottato entro il 25 luglio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli