Francia, 16enne che insultò Islam: non ho fatto niente di male -2-

Mos

Roma, 4 feb. (askanews) - A ancora oggi, la ragazza non riesce a trovare un'istituzione scolastica che l'accolga: tutti dicono che non potrebbero garantire la sua sicurezza e il ministro dell'Istruzione francese Jean-Michel Blanquer ha detto ieri che l'istituzione la sta aiutando "con discrezione".

Il fatto è che le sue dichiarazioni su un canale normalmente visto da pochi spettatori hanno preso un'ampiezza che la ragazza non avrebbe mai immaginato. Mila è stata indagata anche per incitamento all'odio per quel video, ma è stata immediatamente prosciolta perché le sue dichiarazioni, sia pur volgari, non erano finalizzate a creare discriminazione nei confronti dei componenti di una minoranza religiosa. E' invece tuttora in piedi l'indagine contro ignoti per le minacce ricevute dalla ragazza. (Segue)