Francia, 50enne con problemi psichiatrici sequestra due donne in un negozio

·2 minuto per la lettura
sequestro
sequestro

Terrore a Parigi dove un uomo armato di coltello ha preso in ostaggio due donne all’interno di un negozio situato nel 12esimo arrondissement, in prossimità della Bastiglia.

Terrore a Parigi, uomo armato di coltello prende in ostaggio due donne

Nel pomeriggio di lunedì 20 dicembre, un uomo armato di coltello ha preso in ostaggio due donne che si trovavano all’interno di una boutique, a Parigi. Il negozio in cui si è verificato il drammatico episodio è ubicato nel 12esimo arrondissement, il medesimo quartiere in cui si trova la Bastiglia.

A quanto si apprende, sulla base delle informazioni diffuse dai media locali, il sequestratore è un uomo di 50 anni noto alle forze dell’ordine poiché affetto da problemi psichiatrici.

Terrore a Parigi, uomo armato di coltello sequestra due donne: nessun collegamento con il terrorismo

Il sequestro delle due donne è stato prontamente segnalato alle autorità competenti che hanno rapidamente raggiunto il luogo della tragedia.

Sul posto, si è recata una Brigata di ricerca e intervento della questura di Parigi: al momento, in considerazione delle informazioni diramate da fonti di polizia, è stato comunicato che si esclude ogni collegamento dell’episodio con il terrorismo.

Terrore a Parigi, uomo armato di coltello sequestra due donne: perimetro di sicurezza

Per quanto riguarda la boutique del 12esimo arrondissement parigino in cui le donne sono tenute in ostaggio, è stato rivelato che il negozio si trova in rue d’Aligre. La polizia sta lavorando al fine di mettere in sicurezza l’area e sta invitando i cittadini a evitare il sito. La zona, inoltre, è stata transennata e chiusa al traffico.

Le forze dell’ordine hanno delimitato un perimetro di sicurezza “tra il Faubourg Saint-Antoine e la rue Crozatier”, presidiato da numerose auto della polizia, camion della BRI e soldati.

Terrore a Parigi, uomo armato di coltello sequestra due donne: il caso Omar Raddad

In merito all’accaduto, Bfmtv ha spiegato che il sequestratore armato di coltello chiede di parlare con il ministro della Giustizia Eric Dupond-Moretti e con l’avvocato di Omar Raddad, un giardiniere condannato per l’omicidio della sua datrice di lavoro, Ghislaine Marchal, nel 1994.

Il caso Raddad è stato riaperto nella giornata di giornata di giovedì 16 dicembre e potrebbe tradursi in una revisione del processo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli