Francia, 6.000 agenti a Parigi per il grande sciopero generale

Dmo

Roma, 5 dic. (askanews) - Seimila agenti della polizia e della gendarmeria francese saranno dispiegati per la giornata di oggi a Parigi in vista del grande sciopero contro la riforma delle pensioni. Nella capitale francese sono attesi 300mila manifestanti nel giovedì nero.

Milioni di lavoratori incroceranno le braccia oggi per protestare: scuola, trasporti, avvocati, medici e personale aeroportuale. Si tratta del più grande sciopero nazionale degli ultimi anni. Alcuni sindacati hanno minacciato di proseguire la mobilitazione fino a quando il presidente francese Emmanuel Macron non abbanonderà il progetto di riforma.

Secondo i sondaggi il sostegno allo sciopero è al 69%, i principali sostenitori sono i cittadini tra i 18 e i 34 anni. L'amministrazione di Macron spera, però, di evitare conseguenze simili a quelle dello sciopero contro la riforma delle pensioni del 1995, quando il sistema dei trasporti venne colpito duramente per tre settimane, con una dura mobilitazione e le dimissioni del governo.

Il ministro dell'Interno Christophe Castaner ha dichiarato che sono previste 250 manifestazioni in tutta la Francia (Lione, Nantes, Montpellier, Tolosa, Dijon e Rennes) e ha avvertito dai possibili risvolti violenti. "Sappiamo che ci saranno molte persone in queste proteste e conosciamo i rischi. Abbiamo chiesto che sistematicamente quando ci saranno scontri o violenze ci siano arresti immediati", ha dichiarato.

Anche i "gilet gialli" hanno intenzione di unirsi alle manifestazioni. Le ferrovie saranno praticamente ferme per tutto il giorno, soltanto il 10% dei treni intercity e ad alta velocità saranno garantiti, secondo l'operatore delle ferrovie nazionali SNCF. Soltanto cinque delle 16 linee della metropolitana di Parigi saranno operative. Il 30% dei voli interni di Air France sarà cancellato e EasyJet ha già annunciato la soppressione di 200 voli.