Francia, battaglia a Le Monde tra giornalisti e azionista Kretinsky

Bea

Roma, 13 set. (askanews) - Si aggrava la crisi del quotidiano Le Monde dopo che un importante azionista ha fatto sapere di non essere disponibile a firmare un accordo con la redazione per salvaguardare l'indipendenza della prestigiosa testata francese. Il Financial Times riferisce che una fonte vicina al miliardario ceco Daniel Kretinsky, che a ottobre scorso a sorpresa ha acquistato il 10% della holding Groupe Le Monde, ha spiegato che Kretinsky è in disaccordo con i giornalisti su varie voci dell'accordo proposto e che l'intesa è "economicamente irragionevole".

Il miliardario "probabilmente non firmerà l'accordo nella forma attuale". La scadenza è martedì. L'intesa chiude undici mesi di negoziati tra i giornalisti della testata parigina e i principali azionisti, tra cui Kretinsky, il magnate delle telecomunicazioni Xavier Niel e il banchiere di Lazard Matthieu Pigasse. Niel ha già firmato, ma nè Pigasse nè Kretinsky lo hanno fatto.

Oltre 460 giornalisti del quotidiano, che nei primi sei mesi dell'anno ha registrato un aumento dell'11% degli abbonati e del 25% degli abbonamenti digitali, hanno firmato una lettera aperta a difesa della libertà editoriale descritta nella lettera come "il nostro asset più prezioso". (Segue)