Francia: congeliamo ricollocamento di 3500 migranti ora in Italia

featured 1669331
featured 1669331

Roma, 10 nov. (askanews) – La Francia ha annunciato il congelamento immediato del ricollocamento di 3500 migranti che si trovano attualmente in Italia, come protesta per il rifiuto delle autorità italiane di lasciar attraccare la nave umanitaria Ocean Viking e i migranti a bordo, fra cui 57 bambini. Lo ha annunciato il ministro dell’Interno Gerald Darmanin, nella conferenza stampa in cui ha dichiarato che la Francia accoglierà domani mattina a Tolone la nave, “in via eccezionale”. Darmanin ha anche annunciato che rafforzerà le misure di rafforzamento dei controlli alle frontiere interne con l’Italia.

“Questi meccanismi di ricollocamento sono in pieno funzionamento già da settimane, l’Italia d’altronde ne è fra i primi beneficiari. 3.500 ricollocamenti di rifugiati erano previste già da qui all’estate 2023. E’ evidente che a effetto immediato, la Francia sospende l’insieme dei ricollocamenti dei 3500 rifugiati attualmente in Italia e chiede a tutti i partecipanti a questo meccanismo, soprattutto la Germania, di fare lo stesso” ha detto Darmanin

“Come dicevo, da un lato accoglieremo 234 persone di cui 57 bambini e già un terzo di loro partiranno nelle prossime ore, dopo il loro arrivo, verso la Germania, e quindi la solidarietà europea funziona; ma d’altra parte non ricollocheremo nessuna delle persone su cui ci eravamo impegnate; e la Francia aveva già cominciato con qualche decina di persone. Ma non lo faremo per le settimane e i mesi che vengono, finché l’Italia manterrà questo comportamento contrario al diritto internazionale, contrario alla solidarietà e agli impegni che aveva preso appena qualche settimana fa” ha aggiunto il ministro.

1:58-2:12

Inoltre nelle prossime ore la Francia prenderà misure di rafforzamento dei controlli alle frontiere interne dell’Italia e trarrà tutte le conseguenze dell’atteggiamento italiano sugli altri aspetti della relazione bilaterale