Francia domani si ferma, "giovedì nero" contro riforma pensioni

Bea

Roma, 4 dic. (askanews) - La Francia si prepara domani a un "giovedì nero", con una mobilitazione enorme contro la riforma deel pensioni varata dal presidente Emmanuel Macron. Lo sciopero, al quale ha dato il suo appoggio il movimento dei gilet gialli, interessa numerose categorie di lavoratori pubblici e privati, ma soprattutto si preannuncia una paralisi dei trasporti.

La SNCF, la società delle ferrovie francesi, ha infatti garantito solo il 10% dei treni nell'area di Parigi e sulla rete nazionale ad alta velocità. In provincia garantito solo il tre per cento dei treni locali. A Parigi la metropolitana chiuderà undici linee su 14 e la RER A e B saranno in funzione solo all'ora di punta. Ma non è solo il trasporto su terra a soffrire. La RATP, la società dei trasporti di Parigi, propone mezzi alternativi ai suoi utenti, dalle bici ai monopattini al car-sharing.(Segue)