Francia: Le Pen, 'abituata a colpi bassi Ue, contesto accuse su frodi'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 18 apr. – (Adnkronos) – "Sono abituata ai colpi bassi dell'Unione Europea a pochi giorni dal secondo turno ma i francesi non si faranno assolutamente imbrogliare: è chiaro che contesto queste accuse, ma si pone un problema in termini di stato di diritto". Così – incontrando la stampa nel dipartimento del Calvados – Marine Le Pen, candidata del centrodestra al ballottaggio per le presidenziali francesi, ha risposto alle accuse mosse dall'Olaf, l'agenzia antifrode dell'Unione europea, circa l'utilizzo improprio di fondi pubblici per circa 137 mila euro fra il 2004 e il 2017 mentre il padre – il fondatore del partito Front National, rinominato poi Reassemblement National – avrebbe stornato a fini personali più di 303mila euro. Per la Le Pen non c'è "nessun elemento" che supporta le accuse dell'agenzia europea sulle quali la Procura di Parigi ha aperto una indagine.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli