Francia: Les Echos, vendita del gruppo tv M6 in dirittura d'arrivo, in pole Tf1 (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – In questo momento Bertelsmann, osserva 'Les Echos', deve far fronte a un dilemma: "deve scegliere, da un lato, tra un gruppo Tf1 che può permettersi di pagare un prezzo più alto perché ci sono molte sinergie da prevedere da questa fusione ma c'è il rischio regolamentare e dall'altro acquirente come Niel, Kretinsky, Mediaset, e forse Vivendi per certi aspetti, hanno meno probabilità di scontrarsi con questo tipo di ostacolo…ma pagherebbero di meno".

Per risolvere questa questione "Bertelsmann e Tf1 potrebbero decidere che il gruppo francese non rilevi direttamente tutte le azioni del gruppo tedesco e sia accompagnato da un fondo di investimento, sapendo che questo tipo di fondo è portato a vendere abbastanza velocemente. Bertelsmann potrebbe così rimanere azionista del nuovo insieme e Bouygues, il gruppo che controlla Tf1, negozierebbe un diritto di prelazione con Bertelsmann. Anche con meno del 48%, Tf1 sarebbe in grado di registrare delle sinergie con M6".

Oltre a Tf1, ben posizionato ci sarebbe Xavier che insieme a Matthieu Pigasse e Pierre-Antoine Capton, che secondo alcuni fonti vicine al dossier "potrebbe presentare un'offerta importante" ma probabilmente, scrive 'Les Echos', che non dovrebbe insediare quella di Tf1. Mediaset, scrive il quotidiano francese, "se sogna M6 ha detto pubblicamente che non ci credeva più veramente. I pretendenti saranno rapidamente fissati. Dopo il deposito delle offerte, Bertelsmann può chiedere di migliorare le offerte prima di annunciare l'avvio di trattative esclusive o organizzare un secondo giro. In ogni caso il futuro del gruppo M6 deve essere deciso entro la fine del mese di giugno".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli