Francia: Macron e Le Pen guardano già al ballottaggio

Emmanuel Macron e Marine Le Pen. Saranno il centrista e la leader del partito di estrema destra a sfidarsi il prossimo 7 maggio nel ballottaggio per le presidenziali francesi.

Ora, per l’ex ministro dell’Economia e per la presidente del Front National diventa fondamentale provare a drenare i voti degli elettori di Fillon e Melénchon, oltre a quelli di Hamon. E l’impresa sembra meno facile del previsto.

“Nel secondo turno – spiega Bruno Breisacher, venditore di 55 anni – voterò ancora per Marine Le Pen, sperando nel frattempo che, a dispetto di tutto, per salvare il salvabile, al secondo turno vinca Emmanuel Macron. È un voto di protesta, perché siamo stanchi. Non ci sono posti di lavoro, i nostri figli non hanno futuro”.

Per Macron sembra essere complicato ottenere i voti di chi al primo turno ha scelto Melénchon, meno difficile forse conquistare l’elettorato di Fillon.

“All’ultimo momento – racconta Alex Maldgen, uomo d’affari di Parigi – ho guardato i programmi e quello di Fillon corrispondeva di più alle mie aspettative, ma Macron non mi dispiace, è un social-democratico e per me va bene”.

“Oggi non guardo ai candidati – spiega un altro elettore – ma ai programmi. Ho votato Fillon nel primo turno e al secondo la scelta sarà dura”.

Anne Devineaux, euronews: “Mettendo fuori gioco i due grandi partiti tradizionali, i francesi hanno provocato un terremoto inedito e senza precedenti nel panorama politico. Adesso hanno la scelta fra due candidati opposti in tutto. In primis per quel che riguarda l’Europa. Tema che sarà una delle chiavi del secondo turno”.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità