Francia: media, governo accelera su espulsione radicalizzati, 25 in un mese (2)

·1 minuto per la lettura
Francia: media, governo accelera su espulsione radicalizzati, 25 in un mese (2)
Francia: media, governo accelera su espulsione radicalizzati, 25 in un mese (2)

(Adnkronos) – Le persone espulse sono in maggioranza russi, algerini, tunisini, marocchini e maliani. Dopo una visita in Marocco e un viaggio in Russia, il ministro dell'Interno, Gérald Darmanin è in questi giorni in visita in Tunisia e in Algeria per cercare in particolare di facilitare i procedimenti di espulsioni. "La crisi sanitaria legata al Covid rende più difficile le trattative. Alcuni paesi chiedono dei test negativi per accogliere le persone espulse", scrive il Jdd.

"Non è facile convincere i paesi di accogliere queste persone radicalizzate", spiegano al ministero dell'Interno francese. "Inoltre le persone colpite da queste misure forzate possono presentare dei ricorsi". Infine, rileva il settimanale, "il rallentamento del traffico aereo, a causa dell'emergenza coronavirus, ha avuto conseguenze dirette sulle decisioni di espulsioni. Quando non ci sono voli i giudici decidono in generale di rilasciare le persone che in attesa si trovano nei centri di permanenza". In Francia circa 8 mila persone figurano su queste lista Fsprt di cui 1.500 sono di nazionalità straniere. Circa 800-900 sono irregolari.