Francia, nel Nord depresso gli elettori non si fanno illusioni

·1 minuto per la lettura
featured 1598584
featured 1598584

Milano, 20 apr. (askanews) – In Francia, nell’ex bacino minerario deindustrializzato del Nord/Pas-de-Calais, minato dalla povertà, l’ostilità verso Emmanuel Macron spingerà molti elettori di sinistra ad astenersi o a votare scheda bianca. O addirittura a scegliere Marine Le Pen, come risposta alla delusione degli anni di Macron all’Eliseo. Nella cittadina di Lens, al primo turno delle presidenziali la candidata dell’estrema destra ha ottenuto il 39,7% dei voti, il candidato di sinistra Jean-Luc Mélenchon il 22,6%, e Emmanuel Macron solo il 20,8%.

Da queste parti non si fidano del presidente uscente e al secondo turno la maggiore intenzione di voto è la scheda bianca. “Macron, mi esce dagli occhi. È un bugiardo, un manipolatore. Considera le persone degli abbrutiti, degli imbecilli. Quanto a Marine Le Pen, non è davvero da me votare l’estrema destra”, spiega Michel, un pensionato che al primo turno ha votato per Melenchon e ora lascerà una scheda bianca.

Nadia, invece dopo Jadon al primo turno, voterà per Macron: “Di Marine Le Pen mi fa paura tutto. Sono contro ogni estremismo e contro il fascismo. Ho origini italiane, in Italia abbiamo avuto una bruttissima esperienza”.

Jerome ha votato scheda bianca al primo turno ma adesso voterà Le Pen. Un voto prima di tutto contro Macron: “Non c’è stato nessun cambiamento. Penso che Marine potrebbe fare meglio”

Anche ad Avion, un baluardo comunista alla periferia di Lens, regna l’indecisione: scheda bianca, oppure..? “Io non ho votato – dice Wendy – Ho ricevuto la scheda e l’ho distrutta. Ecco. Perché in ogni caso già sappiamo in anticipo che vincerà Macron. Quindi non voglio perdere il mio tempo per niente”

(immagini Afptv)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli