Francia permetterà a Ocean Viking di attraccare a Tolone

La nave di soccorso 'Ocean Viking' con 234 persone a bordo attende il permesso di attraccare

PARIGI (Reuters) - Il governo francese ha detto di aver accettato di far attraccare al porto di Tolone, nel sud della Francia, la nave Ong Ocean Viking che trasporta oltre 200 migranti, dopo scambi diplomatici piuttosto tesi con Roma, il cui atteggiamento è stato fortemente criticato dalla Francia.

L'immigrazione è un tema scottante in entrambi i Paesi e il ministro degli Interni francese Gerald Darmanin ha detto che il divieto di sbarco imposto dal governo italiano all'imbarcazione, bloccata da giorni al largo delle coste italiane, è "incomprensibile" ed "egoista".

"In questo contesto, la Francia ha deciso in via eccezionale di rimediare al comportamento inaccettabile del governo italiano e di invitare la nave a raggiungere il porto militare di Tolone", ha detto Darmanin in una conferenza stampa.

A bordo della nave ci sono 234 persone, tra cui 57 bambini. La Francia ne accoglierà circa un terzo, la Germania un altro terzo e il resto sarà suddiviso tra gli altri Paesi dell'Ue.

Attualmente la nave sta incrociando vicino alla Corsica, come ha mostrato l'applicazione MarineTraffic, dopo essersi avvicinata alle coste italiane. L'arrivo a Tolone è previsto per domani.

"Non c'è dubbio che l'Ocean Viking si trovasse nella zona di ricerca e salvataggio dell'Italia", ha detto Darmanin, affermando che "ci saranno conseguenze molto forti nelle relazioni bilaterali".

Per cominciare, la Francia non accoglierà gli oltre 3.000 migranti arrivati in Italia e che aveva precedentemente accettato di accogliere. Inoltre, rafforzerà i controlli alle frontiere con l'Italia.

La questione di come gestire l'immigrazione nell'Unione europea è da anni fonte di tensioni, ma la critica molto aperta e dura del Quai d'Orsay è uno sviluppo insolito.

"La Francia si rammarica profondamente che l'Italia abbia deciso di non comportarsi come uno Stato europeo responsabile", ha detto Darmanin.

L'Italia e la Spagna, dove approda la maggior parte dei migranti che cercano di arrivare in Europa attraverso il Mediterraneo, dicono da tempo che gli altri, compresa la Francia, devono fare di più per aiutare.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Andrea Mandalà, Stefano Bernabei)