Francia: si indebolirà la voce di Macron in Europa?

I risultati delle elezioni legislative in Francia segnano una battuta d'arresto per il presidente Emmanuel Macron, rieletto appena due mesi fa. Il nuovo equilibrio di potere all'interno dell'Assemblée Nationale apre un periodo di incertezza con un capo di Stato senza maggioranza assoluta.

"Mai avuto un caso simile sotto la Quinta Repubblica"

"Non sappiamo quale sarà il ruolo del Parlamento francese, dell'Assemblée nationale, nella definizione delle politiche europee o nell'accettazione delle politiche europee, poiché non abbiamo mai avuto un caso simile sotto la Quinta Repubblica, di assenza di maggioranza in parlamento, e quindi non sappiamo quale influenza possa avere sulle posizioni del governo in Consiglio dei ministri o sull'attuazione degli accordi che si sarebbero potuti raggiungere a livello europeo”, commenta Eric Maurice, responsabile dell'ufficio di Bruxelles della Fondazione Robert Schuman.

Se Emmanuel Macron è ancora il "campione" dell'Unione Europea, queste elezioni, in cui l'estrema destra ha raccolto il 17% dei voti e la coalizione che riunisce la sinistra quasi il 32%, rivelano la sfiducia dei cittadini nei confronti del progetto europeo. Ne è convinto Awenig Marié, ricercatore alla Université Libre de Bruxelles.

"Ripensare l'Europa"

"Il messaggio che lasciano le legislative francesi è che l'Europa in questo momento deve essere ripensata, dobbiamo ridiscuterne. Non dobbiamo però nemmeno interpretare il risultato delle legislative come un referendum", sostiene Marié.

La sinistra radicale sperava di imporre la coabitazione. La scommessa è persa, ma questa unione di forze di sinistra è ormai inevitabile nel panorama politico francese. Se questo riavvicinamento ha funzionato in Francia, l’alleanza tra la sinistra tradizionale e la quella radicale è tutt’altro che scontata in altri Stati membri.

"Vediamo che in Germania, ad esempio, non è stato fatto il passo a livello federale di una coalizione tra SPD e Die Linke - spiega ancora Eric Maurice - . Così in altri Stati, come in Spagna, la coalizione Podemos-Partito socialista (Psoe) non ha dato frutti. In Belgio, i socialisti non vogliono allearsi o piuttosto è l'estrema sinistra che non vuole allearsi con i socialisti. E nel paesi del Nord, socialdemocratici per tradizione, non c'è una reale prospettiva di questo tipo di alleanza, quindi è molto difficile vedere nella situazione francese qualcosa che potrebbe essere replicato anche in altri Stati europei".

Solo il tempo dirà se Emmanuel Macron riuscirà a perseguire i suoi obiettivi a livello europeo o se dovrà fare i conti con questa configurazione senza precedenti all’interno del panorama politico francese.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli