Francia, Spagna, Albania, Montenegro, Serbia... La rabbia gonfia le piazze d'Europa

Huffington Post
Piazze Europa

Piazze diverse, stessa rabbia. Francia, Spagna, Albania, Montenegro, Serbia. Una lista che, nel clima di turbolenza che si respira in Europa, si potrebbe allungare ad altre realtà, che ribollono. Piazze diverse, ma l'asticella della tensione contro i Governi si alza ogni giorno di più. Si nutre di accenti antisemiti il quattordicesimo atto della protesta dei gilet gialli a Parigi e nelle città francesi. Svela un Paese frantumato la sfilata degli indipendentisti della Catalogna, che hanno appena travolto l'ennesimo governo in Spagna, quello di Pedro Sanchez. Apre a scenari divisivi la protesta delle opposizioni, con l'assalto alla sede del Governo e la richiesta di nuove elezioni in Albania, con la richiesta di dimissioni di un leader senza tempo in Montenegro.

GILET GIALLI E NERI. La partecipazione diminuisce, la violenza no. Cala ancora il numero di gilet gialli a 14° sabato consecutivo di mobilitazione, ma è ancora guerriglia. Scontri a Parigi tra Invalides e Champs-Elysees fino a tarda sera, ma sono tante le città che registrano mobilitazioni, perfino con feriti a Rouen con un automobilista nel panico che forza un posto di blocco e travolge tre manifestanti. Nella Capitale le immagini che circolano rimandano al clima di guerriglia: lacrimogeni e attacchi di black bloc contro gli agenti - impressionante un inseguimento con lancio di sassi da parte di persone vestite di nero contro le auto della polizia - hanno costretto all'evacuazione della spianata de Les Invalides, a poche centinaia di metri dalla Tour Eiffel. Poi lo scontro raggiunge gli Champs-Elysees, con i manifestanti che cercano di forzare il blocco sulla rue Marbeuf. La celebre avenue è rimasta letteralmente blindata da decine e decine di furgoni della polizia, che ha arginato la folla che voleva invaderla e che, nelle settimane scorse, aveva saccheggiato tutto quello che aveva trovato, comprese le boutique e i ristoranti. Lo sdegno è soprattutto per l'aggressione di gilet gialli al...

Continua a leggere su HuffPost