Franco Cerri è morto: era uno dei chitarristi jazz più famosi in Italia

·1 minuto per la lettura
franco cerri
franco cerri

Tragica notizia nel mondo della musica. È morto Franco Cerri. L’uomo aveva l’età di 95 anni. Nonostante era autodidatta, Franco Cerri era conosciuto come uno fra i più promettenti chitarristi nel mondo del jazz italiano. È balzato al successo negli anni 60 e 70, quando fu protagonista di una famosa pubblicità. Cerri, proprio 5 anni fa, aveva festeggiato i suoi 90 anni sul palco del Teatro Dal Verme di Milano.

È morto Franco Cerri

“Le sette note e le tre chitarre salutano con tanto affetto Franco Cerri, grande musicista e grande uomo. Fai buon viaggio, babbo”. Cosi ha scritto sul suo account Facebook il figlio del chitarrista, Nicholas Cerri. Grande è il dispiacere nel mondo della musica. Milanese di nascita, nel 1954 gli si presentò l’occasione della vita. Ebbe la fortuna, infatti, di entrare nell’orchestra di Gorni Kramer. Nel 1980 ha formato un duo con il pianista Enrico Intra.


L’amicizia tra Franco Cerri ed Enrico Intra

È stato proprio Enrico Intra a voler ricordare il caro amico e collega scomparso. “Abbiamo suonato insieme per mezzo secolo – ha detto Intra – abitando insieme questo mondo del suono cui mancherà un ottimo docente di chitarra, perché Franco riusciva a cominciare tutta la sua esperienza e personalità d’uomo, era molto comunicativo, disponibile, educato, civile, umano, quelle belle doti che dovrebbero avere tutti quanti, era fortunato chi lo frequentava e quindi anche gli studenti”.

Chi era Franco Cerri?

La vita di Franco Cerri è stata piena di grandi successi e onoreficenze. Come pochi ricordano, infatti, è stato anche uno fra i pochi chitarristi italiani ad essere citato dall’Enciclopedia Treccani. Ha anche all’attivo collaborazioni di tutto rispetto. Si pensi a Mina e Roberto Vecchioni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli