Franco Gabrielli: “La Polizia è istituzione del Paese”

franco gabrielli

Il Capo della Polizia Franco Gabrielli ha presenziato come ospite nella trasmissione tv in onda su La7 L’Aria che tira. Intervistato dalla conduttrice Myrta Merlino, Gabrielli avrebbe toccato diversi argomenti. Stando a quanto riportato dal sito open.online, per prima cosa il Capo della Polizia avrebbe detto di aver “passato 15 mesi a spiegare che la polizia non è salviniana o della mia cara amica e collega Lamorgese. È un’istituzione del Paese e tanto più la lasciamo al riparo da certe etichettature tanto più facciamo un servizio al Paese”.

Inevitabile poi parlare di quanto successo a Trieste, dove due poliziotti sono rimasti uccisi. “Un plauso va alla reattività dei colleghi della questura di Trieste” ha detto Gabrielli “Abbiamo pagato un prezzo altissimo ma la professionalità dei colleghi ha impedito che la dimensione della tragedia fosse molto più ampia”.

Franco Gabrielli ospite in tv

Il capo della polizia ha poi voluto ricordare che “quanto accaduto a Trieste appartiene a quell’ambito di imponderabile che c’è anche nel nostro lavoro. A volte ho avvertito quasi una sorta di pietoso giudizio negativo sull’operato di questi ragazzi ma ci si dimentica del contesto, del fatto che non stiamo parlando di una persona che aveva compiuto un reato gravissimo”.

Infina ha concluso parlando dell’assassino, il quale, si trovava in arresto perchè aveva commesso una rapina usando violenza nei confronti della proprietaria del motorino, una cosa non da poco conto per Gabrielli ma che, anzi, va inquadrata nell’economia complessiva delle cose che la Polizia è chiamata ad affrontare.