Frangi (Cfi): 'Legge Marcora genera impresa, sviluppo al centro'

·1 minuto per la lettura
featured 1540001
featured 1540001

Roma, 16 nov. (Labitalia) – "La legge Marcora genera impresa. Quando ci sono crisi, l'alternativa che lo Stato si trova di fronte è quella tra sostenere il reddito e le difficoltà e quella di orientare le risorse allo sviluppo. La legge Marcora risolve il dilemma investendo e scommettendo nella responsabilità dei lavoratori offrendo il messaggio: se risolleverete l’azienda avrete lo Stato al vostro fianco". Lo ha detto Mauro Frangi, presidente di Cfi, aprendo l'evento '35 anni di Cfi – Il lavoro al centro dell'impresa', in corso a Roma.

Cfi-Cooperazione Finanza Impresa, finanziaria partecipata e vigilata dal ministero dello Sviluppo Economico che ha lo scopo di promuovere la nascita e lo sviluppo di imprese cooperative, festeggia con l'evento i suoi 35 anni di attività. 35 anni in cui Frangi ha ricordato che Cfi ha finanziato 560 cooperative di cui 317 worker buyout, imprese in crisi rigenerate dai lavoratori riuniti in cooperativa.

"Investimenti per oltre 303 milioni di euro che hanno contribuito a salvaguardare e creare ben 25.117 posti di lavoro, di cui 9.655 nei Wbo, con un investimento medio per lavoratore di 12.086 euro. Per Frangi la sfida è anche "di essere affianco a quei lavoratori sollecitando il mondo cooperativo a dare solidità ai progetti e garantirne il successo", ha detto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli