Fratello dell’agente ucciso: “Vorrei scusarmi con Chef Rubio”

agenti uccisi a trieste

Gianluca Demenego, il fratello di Matteo, uno dei due agenti uccisi a Trieste, aveva replicato duramente contro un attacco di chef Rubio sui social. Quest’ultimo aveva commentato la tragedia usando queste parole: “Inammissibile che un ladro riesca a disarmare un agente. Le colpe di questa ennesima tragedia evitabile risiedono nei vertici di un sistema stantio che manda a morire giovani impreparati fisicamente e psicologicamente. Io non mi sento sicuro in mano vostra”. Di fronte a tale attacco, il fratello dell’agente ucciso aveva scritto su Facebook: “Chef Rubio sono il fratello del poliziotto impreparato! Beh, tieni sempre la guardia alta quando giri perché se colgo impreparato pure te fai la fine di mio fratello! Uomo di m***a! Ti auguro di perdere un tuo caro! A presto!”. Vediamo come ha voluto scusarsi il fratello dell’agente Matteo.

LEGGI ANCHE: Lite social tra Salvini e Chef Rubio: interviene la Polizia

Fratello agente ucciso si scusa

Gianluca Demenego aveva risposto al commento di Chef Rubio riguardo Matteo, uno dei due agenti uccisi a Trieste per mano di un rapinatore. La brutalità delle parole con le quali il fratello dell’agente ucciso si era rivolto allo chef ha suscitato scalpore. Infatti, Gianluca ha deciso di moderare i termini e scusarsi. “Innanzitutto vorrei scusarmi per i toni e le parole usate contro Chef Rubio” ha esordito. Le parole spese contro di lui erano “dettate dalla rabbia e dal dolore per il post fuori luogo e infelice, pubblicato dallo stesso sulla morte di mio fratello e del suo collega. Per me la vicenda può ritenersi conclusa qui. Lasciateci al nostro dolore. Grazie”.

VIDEO - L’affetto e il dolore per i poliziotti uccisi a Trieste