Fratoianni: da Salvini linguaggio da ultrà, Paese merita di meglio

Rea

Roma, 20 lug. (askanews) - "Mentre gioca a rimpiattino con Di Maio su chi farà la crisi di governo, un gioco naturalmente le cui conseguenze quotidiane ricadono sulle spalle dei cittadini del nostro Paese, non passa giorno che Salvini diffidi o peggio insulti qualcuno o qualcuna la cui unica colpa è che non la pensa come lui...". Lo afferma Nicola Fratoianni di Sinistra Italiana.

"Ieri - prosegue l'esponente della sinistra - è di nuovo toccato a Carola Rackete, che è 'zecca', 'comunista', e perfino 'tedesca'. Ma l'Italia non si meriterebbe forse un ministro dell'interno serio e responsabile - conclude Fratoianni - invece di un tizio che usa un linguaggio e parole degne di un'ultrà per giunta ubriaco?".