Frecce tricolori, a Rivolto si festeggia rinascita Italia

·1 minuto per la lettura

Quando le scie tricolori sono sfumate all'orizzonte di una Udine soleggiata dopo giorni di pioggia, l'emozione lascia il passo allo sfinimento di chi oggi era col naso all'insù, in quel di Rivolto, e che a sera ha la sensazione che il peggio sia alle spalle. Che l'Italia è tornata a volare, a vivere, a guardare avanti. Che le Frecce tricolori sono tornate davvero, in un abbraccio fumoso che per il pubblico arrivato qui da tutta Italia si è trasformato stavolta in un cuore bianco disegnato dai dieci 'gioielli' dell'Aeronautica Militare. Era dal 2015 che non si festeggiava nelle piste, dove la pattuglia acrobatica nazionale si addestra dalla sua nascita, nel 1960.

L'appuntamento per il sessantesimo era previsto per lo scorso anno, come sempre allo scadere del lustro. Il Covid ha rovinato anche quello e oggi il tricolore esploso dagli Mb339pan aveva un significato ancora più forte. L'inno di Mameli ha preparato il terreno alle lacrime, la Turandot cantata da Pavarotti ha fatto il resto. Buon compleanno, Frecce Tricolori. Oggi qui festeggia tutta Italia.

dall'inviata Silvia Mancinelli

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli