Freccero: "Questi non sono vaccini ma soltanto farmaci, obbligo è incostituzionale"

·1 minuto per la lettura

I vaccini anti-Covid sono in realtà semplicemente dei medicinali che alleviano il decorso della malattia; dunque, in quanto medicinali, non possono essere imposti prevedendo un obbligo. E' il ragionamento che propone all'AdnKronos il massmediologo, già direttore di Rai2 ed ex consigliere nel cda Rai, Carlo Freccero, a proposito dell'obbligo di vaccino disposto dal Governo per gli over 50.

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Vaccini Covid, anche per gli atleti scatta l’obbligo vaccinale

"Questa volta, mi trovo d'accordo con Crisanti - esordisce Freccero - Come lui spiega benissimo, gli attuali vaccini non producono immunità, che invece dovrebbero produrre per inibire i contagi. Al contrario, sembrano contribuire alla diffusione della malattia... L'ultima funzione che viene loro attribuita è di rendere più leggero il decorso della malattia: si tratterebbe quindi di farmaci e non di vaccini".

E allora, prosegue Freccero, "la loro obbligatorietà creerebbe il precedente anticostituzionale di imporre un obbligo terapeutico: cosa che è sanzionata da tutti i trattati internazionali, a cominciare dal Codice di Norimberga", redatto dopo i crimini commessi dai medici nazisti.

(di Enzo Bonaiuto)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli