Frecciarossa 1000, le caratteristiche del treno tecnologico deragliato a Lodi

frecciarossa 1000

Il treno Frecciarossa 1000 deragliato a Lodi nella mattinata di giovedì 6 febbraio 2020 è il più tecnologico e moderno della compagnia. Sono ancora incerte i motivi e le cause dell’incidente, anche se è stato reso noto che nel tratto interessato erano in corso dei lavori. Gli inquirenti stanno verificando se questi ultimi potrebbero avere qualche collegamento con il deragliamento. Il bilancio è di due morti, entrambi i macchinisti, e decine di feriti. Ma quali sono le caratteristiche di uno dei treni più tecnologici in Italia?

Frecciarossa 1000, le caratteristiche

Stupisce il fatto che uno dei convogli più moderni e tecnologici della compagnia Frecciarossa (ETR 400 – Frecciarossa 1000) si sia reso protagonista di un tragico incidente. Infatti, è stato proprio questo mezzo a deragliare nella mattinata del 6 febbraio a Lodi. Il sito ufficiale lo definisce in grado “di sfruttare sempre al meglio l’aderenza ai binari”, ma qualcosa pare sia andato storto. Le cause alla base dell’incidente, tuttavia, sono ancora in fase di accertamento.

Immesso sui binari nel novembre 2015, il treno Frecciarossa 1000 si caratterizza innanzitutto per la sua velocità. Come si legge sul sito Trenitalia, infatti, è “costruito per viaggiare su tutte le reti ad alta velocità d’Europa”. Può raggiungere fino ai 400 chilometri all’ora grazie ai 16 motori distribuiti lungo tutta la lunghezza del treno. L’aderenza ai binari è comunque garantita dai carrelli motorizzati presenti sul primo, terzo, sesto e ottavo vagone. Inoltre, il treno è in grado di accelerare da zero a 300 chilometri orari in circa 4 minuti. Infine, il mezzo si compone di 8 carrozze, per una lunghezza pari a 202 metri e ha una capienza complessiva di 457 passeggero, più 2 posti dedicati alle persone disabili.

Anche la tecnologia è uno dei fattori chiave che caratterizzano il Frecciarossa 1000: il treno dispone infatti di monitor con informazioni di viaggio e notizie all’intenro dei vagoni, prese di corrente e connessione WiFi. Anche dal punto di vista dei macchinisti, il treno agevola moltissimo le operazioni di controllo. Alcuni dispositivi, ad esempio, raccolto dati sulla temperatura e la tensione dei motori, sulle vibrazioni, sulla pressione, ecc.

Il design del treno è fortemente aerodinamico e permette al mezzo di raggiungere velocità impressionanti. Realizzato con leghe leggere e carrelli con sospensioni attive, è in grado di bilanciare perfettamente le forze centrifughe con un rapporto massa/potenza più efficiente. Infine, è un treno ecologico: consuma 28 microgrammi di CO2 per chilometro.

.