"Friends: The reunion", fan cinesi adirati per la censura di Pechino

·2 minuto per la lettura
THE 72ND EMMY® AWARDS - Hosted by Jimmy Kimmel, the
LISA KUDROW, JENNIFER ANISTON, COURTENEY COX (ABC via Getty Images)

E' andata in onda in tutto il mondo, fra nostalgia e battute, la reunion del cast di "Friends", la serie tv di culto degli Anni '90. C'era tutto il cast composto da Jennifer Aniston (Rachel) , Courteney Cox ( Monica), Lisa Kudrow (Phoebe), Matt LeBlanc (Joey), Matthew Perry (Chandler), David Schwimmer (Ross). 

E non sono mancati ospiti famosi, che hanno confessato il loro amore per la serie, andata in onda dal 1994 al 2004. Alcuni di questi, si apprende, sono stati "oscurati" dalle televisioni cinesi, mandando su tutte le furie i fan del Paese.

GUARDA ANCHE: Le risate di Jennifer Aniston e Lisa Kudrow ricordando 'Friends'

In particolare sono stati tagliati i cameo di Lady Gaga (che ha fatto un duetto con Lisa Kudrow su uno dei brani simbolo di Phoebe, 'Gatto rognoso'), Justin Bieber e la band super star del K-Pop Bts.

Il motivo? Secondo Pechino tutti loro, nel passato, avrebbero offeso in qualche modo la Cina. A Lady Gaga fu impedito un tour in Cina per aver incontrato il Dalai Lama nel 2016, mentre Justin Bieber nel 2014 attirò le ire di Pechino recandosi in visita al controverso tempio Yasukuni a Tokyo, considerato da Cina e Corea del Sud, un simbolo dell'imperialismo del Giappone. Uno dei membri dei Bts parlò della "storia di sofferenza" condivisa dalla Corea del Sud e Usa nel conflitto del 1950-53, in cui i due paesi hanno combattuto insieme contro la Corea del Nord sostenuta dalla Cina.

La censura "Friends: The reunion" ha scatenato la protesta social dei numerosi fan cinesi, molti dai quali hanno acquisito e condiviso le clip eliminate o il link dell'episodio completo.

LEGGI ANCHE: Friends, la reunion: il retroscena di Ross e Rachel, quasi coppia vera

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli