Friuli, Pd: ricordare Nikolajewka, ribadire mai più guerra

Red/Nav

Roma, 26 gen. (askanews) - "Il Friuli abbraccia i suoi alpini e ricorda il coraggio e l'altissimo senso del dovere delle truppe alpine sul fronte russo. Non verrà mai dimenticato il sacrificio delle migliaia di giovani che sulla linea del Don hanno reso onore alla nostra terra e al nostro Paese. Il compito di noi tutti, istituzioni civili e militari, è quello di rendere loro onore e trasmettere alle future generazioni il ricordo e la riconoscenza che meritano e ribadire il no alla guerra".

A dirlo in una nota è la consigliera regionale del Pd Mariagrazia Santoro, a margine della cerimonia che si è tenuta nel tempio di Cargnacco, alle porte di Udine, in occasione del 77simo anniversario della battaglia di Nikolajewka, combattuta il 26 gennaio 1943 sul fronte del Don durante la Seconda Guerra mondiale e nel corso della quale persero la vita migliaia di soldati delle truppe alpine.

"Le tragedie del passato devono ricordare anche la necessaria ricusazione di ogni conflitto armato - ha aggiunto l'esponente dem -. Proprio partendo da questi fatti dolorosi, la nostra Costituzione ha voluto fissare in maniera forte il ripudio della guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali. Soprattutto oggi, noi istituzioni dobbiamo dire con maggiore forza mai più alla guerra".