Friuli Venezia Giulia, approvato il ddl minoranza linguistiche -2-

Red/Gtu

Roma, 30 ott. (askanews) - Di nuova istituzione, invece, l'art. 39 ter al ddl, ove si prevedono norme transitorie in materia di finanziamenti alle associazioni della minoranza linguistica friulana. In particolare si afferma che, per il 2022, l'amministrazione regionale è autorizzata a erogare i finanziamenti, di pari importo a quelli già concessi per il 2019, alle associazioni: Colonos di Villacaccia di Lestizza; Glesie Furlane di Villanova di San Daniele; La Grame di Mereto di Tomba; Clape di culture Patrie dal Friûl di Gemona del Friuli; Istitût Ladin Furlan Pre Checo Placerean di Codroipo; Kappa Vu di Udine; Societât scientifiche e tecnologjiche Furlane di Udine.

Con un emendamento che vede primo firmatario Sergo del Gruppo del M5S, a cui si sono poi aggiunti i Gruppi di Progetto FVG/Ar e Lega oltre a Marsilio del Pd, l'Aula ha accolto di modificare l'articolo 11 del disegno di legge (contributi per il resiano e le varianti linguistiche delle Valli del Natisone, del Torre e della Val Canale) stabilendo che non sarà la Giunta regionale a definire gli importi a sostegno dei programmi per la promozione del resiano, bensì enti e associazioni - anche non iscritti all'albo previsto dal ddl - aventi sede legale in quel Comune. Ciò per uniformare tali interventi a quelli per le Valli in oggetto.