Frode 8 milioni nel settore carburanti, sanzionate 5 cooperative

Cro/Ska
·2 minuto per la lettura

Roma, 20 lug. (askanews) - Nelle ultime ore i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Firenze, a conclusione di una complessa ed articolata indagine che ha permesso di accertare una frode fiscale all'I.V.A., hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo, diretto e per equivalente, del valore di 8 milioni di euro, nei confronti di 5 cooperative operanti nel settore dei trasporti e della logistica e di 7 rappresentanti legali e consiglieri. Il provvedimento, richiesto dal dott. Fabio Di Vizio, Sostituto Procuratore presso la Procura della Repubblica di Firenze, ed emesso dal dott. Piergiorgio Ponticelli, Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Firenze, ha gi consentito di cautelare 11 conti correnti, disponibilit finanziarie per pi di 170.000 euro, 2 furgoni, 2 motociclette, 3 autovetture e 1 immobile. In particolare, i finanzieri del 2 Nucleo Operativo Metropolitano e del Nucleo PEF di Firenze, a seguito di alcune attivit di verifica condotte alla fine del 2018 che avevano fatto emergere le prime ipotesi di reato, hanno eseguito, sotto la direzione della Procura della Repubblica, delle indagini di polizia giudiziaria nei confronti delle 5 cooperative, che hanno fatto emergere una frode all'IVA nel settore dei carburanti. Nello specifico, le cooperative, aventi sede nel fiorentino ma facenti capo a un consorzio di Pistoia, effettuavano ingenti acquisti di gasolio per autotrazione - rivelatisi inesistenti - da altra societ pratese, che consentivano di contabilizzare rilevanti crediti IVA, a fronte dei quali venivano emesse altrettante fittizie fatture di servizi di autotrasporto e consegna merci verso 6 societ estere (in particolare ucraine), in esenzione di IVA poich cessioni intracomunitarie. Tutte le operazioni in questione, che hanno permesso alle cooperative di utilizzare 8 milioni di euro di crediti IVA inesistenti a compensazione del debito IVA derivante da altre operazioni, sono state documentate da pi di 75 milioni di euro di fatture false, non assistite da alcuna documentazione di supporto e risultate saldate finanziariamente da decine di fittizi contratti di cessione del credito