Frosinone, si suicida il giorno della laurea di suo figlio

Frosinone, si suicida il giorno della laurea di suo figlio

Ad Arpino, un comune di 7000 abitanti in provincia di Frosinone, un uomo di 65 anni si è suicidato. L’estremo gesto è stato compiuto il giorno della laurea di suo figlio. Un gesto inatteso ed inspiegabile.

Suicida il giorno della laurea del figlio

Gennaro Indigeno aveva 65 anni. Una vita dedita al lavoro. La passione per le macchine lo portò a lavorare in diverse concessionarie. Nel suo trascorso lavorativo anche 15 anni per Toyota, a Frosinone. Gennaro il 23 Luglio 2019 sulla sua pagina Facebook aveva scritto un post che trasudava gioia e felicità, suo figlio Matteo, era riuscito a laurearsi.

Due giorni dopo, era sparito. Ha lasciato un biglietto nella sua automobile che indicava il suo non ritorno. Immediate le ricerche da parte della polizia che dopo appena poco tempo hanno trovato il cadavere dell’uomo all’interno di un capannone.

Le parole degli amici

Tutti gli amici e i familiari di Gennaro, lo descrivono come il lavoratore perfetto, una persona squisita. Al momento stanno indagando per scoprire cos’ha portato l’uomo all’estremo gesto, senza escludere nessuna pista. A commentare l’accaduto, il suo vicino di casa e amico: “Ci conoscevamo da anni. Sia lui che sua moglie Mirella, con la quale si era sposato negli anni Ottanta. Lei è di Arpino, mentre lui era originario di Isola del Liri. Era nonno e padre di due figli. Una persona posata, senza grilli per la testa. Tanti anni fa aveva un negozio di piante, poi ha lavorato in una concessionaria a Frosinone e da diverso tempo era a Sora, vicino casa. Appena abbiamo appreso la notizia, siamo rimasti sconcertati. Tra qualche giorno era in programma anche la festa di laurea del figlio… Siamo veramente scossi e addolorati“.