**Frosinone: uccide la ex, fermato ha confessato**

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Frosinone, 4 mag. (Adnkronos) – E’ stato fermato con l’accusa di omicidio aggravato l’ex fidanzato di Romina De Cesare, di 36 anni, uccisa ieri a Frosinone. A condurre le indagini, coordinate dalle Procure di Frosinone e Latina, sono gli investigatori della Squadra Mobile della Questura di Frosinone e del Comando Carabinieri Stazione di Sabaudia, insieme con il Reparto Operativo, nucleo investigativo del Comando Provinciale Carabinieri di Latina.

Le indagini sono partite dalla segnalazione dell’attuale compagno della vittima, insospettito dal fatto che la donna non dava più notizie dalla notte precedente: l’intervento della Squadra Mobile nell’abitazione ha portato alla scoperta del cadavere della 36enne, riverso al suolo, uccisa da diverse coltellate. Nel frattempo, i carabinieri di Sabaudia avevano notato aggirarsi sul litorale pontino in uno stato confusionale l’ex fidanzato della vittima con escoriazioni e graffi. Le indagini hanno portato alla luce una serie di contrasti tra la vittima e l’ex, accresciuti a seguito della nuova relazione della donna con un’altra persona. Ulteriori elementi a carico dell’ex fidanzato sono emersi oltre che dai graffi e dalle ecchimosi riscontrate dal medico legale anche da una busta che l’uomo aveva in mano al momento del fermo, con probabili intenti suicidi. Una volta interrogato dai pm di Frosinone e Latina l’uomo ha ammesso la sua responsabilità per l’omicidio e l’intenzione di suicidarsi. Il fermo dovrà ora essere convalidato dal Tribunale di Latina.

Proseguono le indagini per accertare i motivi del gesto, verosimilmente, secondo chi indaga, riconducibili alla gelosia, anche se ulteriori approfondimenti sono in corso in merito ad eventuali moventi economici. Secondo quanto ricostruito finora, l’uomo, non accettando la nuova frequentazione della sua ex compagna, al rientro da una serata fuori l’avrebbe prima strangolata e successivamente accoltellata più volte, abbandonandola in una pozza di sangue, per poi darsi alla fuga. Durante la sua corsa in direzione del litorale pontino l’uomo avrebbe, a suo dire, tentato il suicidio anche con gesti autolesionistici e mediante strangolamento e taglio delle vene, non riuscendo nel suo intento. Una volta giunto sul promontorio del Circeo, avviatosi verso la spiaggia di Sabaudia, l’uomo avrebbe tentato infine di annegarsi.

L’uomo si sarebbe successivamente disfatto degli indumenti che indossava, rimanendo nudo sulla spiaggia dove è stato poi notato dai carabinieri di Sabaudia, che, ricostruito quanto accaduto all’uomo ed accertatisi della sua identità e della sua provenienza, hanno immediatamente contattato la Questura di Frosinone. Le indagini hanno permesso infine di ritrovare un bloc notes dove l’uomo aveva appuntato alcune frasi, tra cui la verosimile confessione del delitto. “Non volevo ucciderla. La amo” avrebbe scritto sul primo dei diversi fogli.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli