Frozen II, tornano Elsa e Anna, eroine diverse

Frozen II, tornano Elsa e Anna, eroine diverse

Roma, 12 nov. (askanews) – Una sfida non da poco per la Walt Disney, arrivare nei cinema con Frozen II, eguagliare lo straordinario successo della storia di Elsa la principessa di ghiaccio e sua sorella Anna. Personaggi iconici ormai come le canzoni del primo film. Il 27 novembre potremo immergerci nel mondo di “Frozen II, il Segreto di Arendelle”, dove Elsa, Anna e i loro accompagnatori partono alla ricerca delle chiavi per salvare il regno.

Presentazione a Roma con alcuni dei doppiatori che tornano a interpretare voci e canzoni dell’originale. Serena Rossi come Anna: ” Questa è una grande possibilità che ci è stata data per la seconda volta. Io da donna sono orgogliosa di poter raccontare ai più piccoli la forza, l’amore, i difetti, le fragilità di due giovani donne. Mi è venuta voglia di fare un altro figlio, di chiamare mia sorella tutti i giorni!

Mentre Enrico Brignano è Olaf, il pupazzo di neve, un ruolo che ha ripreso pensando alla figlia appena nata Martina:

FAR SENTIRE “E’ NORMALE”

“Tra il fare il provino e fare il ruolo è nata mia figlia, e mi ha completamentre stravolto; dovevo farlo bene non per la Walt Disney ma perché era il lavoro di papà per una bambina così piccola”.

E quanto a canzoni, un tocco italiano arriva con Giuliano Sanrgiogi che canta la canzone dei titoli di coda, “Nell’ignoto”. Anche lui, col pensiero alla figlia appena nata: “Le farò vedere Frozen 2 prima. Dovrà pensare che suo padre è ovunque. Mio padre lavora per la Disney, dovrà pensare”.

Frozen II, Il segreto di Arendelle punta una volta di più sull’amore fra le due sorelle. Elsa e Anna sono eroine femminili atipiche, hanno creato nuovi modelli per le ragazzine; Elsa è una regina, una donna che nel primo capitolo ha imparato a usare la sua straordinaria forza, e in questa seconda puntata testa la sua resistenza fino ai limiti.

In conferenza a Roma anche i registi Chris Buck e Jennifer Lee (che ha sostituito John Lasseter a capo della Walt Disney Animation Studios dopo le dimissioni di Lasseter accusato di molestie).

“Ci siamo concentrati non sull’amore romantico che risolve tutto” spiega Jennifer Lee; “ma sull’importanza di assumersi responsabilità come fa Elsa per il suo regno. Elsa è un personaggio che può ispirare le giovani generazioni per la sua capacità di farsi carico della cosa giusta senza arrendersi mai”.