Fse 3, governatore del Trentino: preoccupati per confine Austria

Cro/Ska

Roma, 4 giu. (askanews) - La questione della riapertura del confine del Brennero stata al centro, nel pomeriggio a Trento, di un colloquio fra il presidente della Provincia, Maurizio Fugatti ed il console generale d'Austria a Milano, Clemens Mantl.

"Siamo preoccupati - ha detto Fugatti - perch facciamo fatica, considerata la situazione del contagio in Trentino e in Italia, a capire la posizione del Governo austriaco che ancora non permette una libera circolazione sul confine del Brennero. Anche le notizie delle ultime ore - ha evidenziato il presidente - che sembrano prefigurare la volont di aprire solo a Bolzano e ad altre non meglio precisate regioni ci lascia molti dubbi". Fugatti ha quindi chiesto al console Mantl di rappresentare a Vienna le preoccupazione del Trentino e la richiesta, avanzata anche in sede di Euregio insieme ai presidenti di Tirolo e Alto Adige, Gnther Platter ed Arno Kompatscher, di riaprire al pi presto il confine, possibilmente entro il 15 giugno.

Il console, che oggi, raggiungendo Trento, ha effettuato la sua prima visita ufficiale dopo l'allentamento del lockdown, ha evidenziato che il Governo austriaco si impegnato a valutare settimana per settimana la situazione del contagio in Italia, non escludendo quindi la possibilit, se i dati lo consentiranno, di una riapertura del confine a carattere regionale a partire dal 15 giugno.

Il presidente Fugatti hai poi rappresentato al diplomatico austriaco il quadro epidemiologico in Trentino, evidenziando come vi sia ormai da settimane una chiara stabilizzazione dei dati e come la Provincia autonoma di Trento sia al primo posto in Italia per numero di tamponi effettuati rispetto alla popolazione. E' stato quindi deciso di comune accordo di mettere in contatto il console con gli esperti di FBK al fine di poter meglio approfondire la situazione del contagio da Covid-19 presente in Trentino.