Ftse Mib e spread in aumento

·2 minuto per la lettura

Dopo una prima parte caratterizzata da forti vendite, nel corso del pomeriggio l’avvio positivo di Wall Street ha permesso alle borse europee in generale, ed a Piazza Affari in particolare, di chiudere sopra la parità. Il Ftse Mib ha chiuso la seduta a 24.486,01 punti (+0,14%) mentre lo spread tra il rendimento dei titoli a 10 anni italiani e quelli tedeschi è salito di due punti percentuali a 113 punti base.

Questa mattina il Ministero dell’economia ha collocato titoli a 3, 7 e 30 anni per 9,25 miliardi di euro. Il triennale ha registrato un rendimento in aumento di 11 centesimi al -0,06%, nel caso del 7 anni il dato si è attestato allo 0,69% ed in quello del 30 al 2,06%.

Tornando all’azionario, a Milano sul paniere delle blue chip spiccano le performance di STMicroelectronics (+1,35%), in scia del rimbalzo del Nasdaq, di Nexi (+3,33%), che nel primo trimestre ha registrato un Ebitda in aumento del 2% e rivisto al rialzo la view sui ricavi 2021, e di Prysmian (+2,76%). Tra gennaio e marzo quest’ultima ha registrato utili e margini in crescita, confermando la stima sull’Ebitda 2021.

In evidenza anche Pirelli (+2,57%) che ha chiuso il trimestre con un utile operativo in crescita del 19,6% ed stimato che, nelle condizioni attuali, i ricavi 2021 si attesteranno nella parte alta della guidance. Dopo la presentazione dei risultati gli analisti di Mediobanca hanno alzato la valutazione da "underperform" a "neutral" con target price che passa da 4,4 da 4,8 euro. Giornata di conti anche per Tod’s (+6,43%).

Per quanto riguarda il comparto bancario, l’agenzia Moody’s ha migliorato l’outlook su Intesa Sanpaolo (-0,42%%), su Banco BPM (+0,46%), su BPER (-0,2%) e su Mediobanca (+1%) da “negativo” a “stabile”. Outlook confermato a “stabile” e rosso dell’1,88% per UniCredit, che ha annunciato la nuova struttura organizzativa voluta dal nuovo Ceo Andrea Orcel.

Le prese di beneficio sul greggio, il future sul Brent scende del 2% a 67,9 dollari, hanno fatto perdere l’1,47% ad Eni ed il 2,27% a Tenaris. (In collaborazione con money.it)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli