Ftx denuncia attacco hacker: persi 600 milioni di dollari

SAUL LOEB / AFP

AGI - La piattaforma di criptovalute Ftx, che venerdì ha dichiarato fallimento e ha fatto ricorso al Chapter 11, la bancarotta assistita, avrebbe denunciato un attacco hacker con deflussi per circa 600 milioni di dollari in token nelle ultime 24 ore.

I funzionari di Ftx hanno confermato voci di un attacco sul canale Telegram della criptovaluta in fallimento e hanno istruito i clienti a cancellare le app di Ftx e a evitare il suo sito web, secondo quanto riferisce l'agenzia CoinDesk.

Alcune fonti di tracciamento blockchain parlano di una cifra tra i 380 e i 600 milioni, che sarebbe già stata mobilitata e convertita in diverse quantità di differenti asset. Nel frattempo, la stessa Ftx ha fatto sapere che il resto dei fondi è stato già spostato in un contenitore offline, onde evitare ulteriori perdite economiche dovute a transazioni non autorizzate.

 

Following the Chapter 11 bankruptcy filings - FTX US and FTX [dot] com initiated precautionary steps to move all digital assets to cold storage. Process was expedited this evening - to mitigate damage upon observing unauthorized transactions.

— Ryne Miller (@_Ryne_Miller) November 12, 2022

 

Ryne Miller, consigliere generale della società negli Stati Uniti, ha dichiarato in un tweet che la piattaforma sta accelerando il processo di trasferimento di tutti gli asset digitali in un deposito offline "per mitigare i danni derivanti dall'osservazione di transazioni non autorizzate".

Secondo Reuters, i dati della società di analisi Nansen, con sede a Singapore, hanno mostrato un deflusso netto di circa 266 milioni di dollari in un solo giorno da Ftx, con 73 milioni di dollari ritirati solo da Ftx Usa.

Facendo seguito all'enorme ondata di liquidazioni che ha colpito la piattaforma, Ftx ha dichiarato bancarotta, col suo timoniere Bankman-Fried che ha lasciato il ruolo di ceo del gruppo.

Nei giorni scorsi, la società concorrente (e suo investitore) Binance si era offerta di intervenire per salvarla, ma poi ha fatto marcia indietro. Nella dichiarazione di fallimento Ftx ha indicato di avere più di 100 mila creditori, attività comprese tra 10 miliardi e 50 miliardi, passività comprese tra 10 miliardi e 50 miliardi.

Insomma, un bel pasticcio, che ha mendato in fibrillazione il mercato delle criptovalute, col bitcoin che ha perso quasi il 6%, sprofondando a 16.800 dollari, dai 68.000 del livello record di un anno fa.

Ftx ha visto il proprio capitale, economico e di reputazione, dissolversi in pochi giorni, passando da una valutazione di 32 miliardi al fallimento. Quando è iniziato il tracollo? Il 2 novembre in particolare erano emersi dubbi legati alla solvibilità dell'azienda in caso di crollo del valore di Ftt, il token di Ftx.

Yellen: "Serve regolamentazione molto attenta"

Il mercato degli asset digitali richiede "una regolamentazione molto attenta". Lo ha dichiarato Il segretario del Tesoro statunitense, Janet Yellen, commentando il fallimento dell'impero delle criptovalute Ftx. "Mostra le debolezze dell'intero settore", ha dichiarato Yellen.

"In altre borse regolamentate, c'è la segregazione degli asset dei clienti - ha detto Yellen - L'idea che si possano usare i depositi dei clienti di una borsa e prestarli a un'impresa separata che si controlla per fare investimenti a leva e rischiosi non è consentita".