Fuga da Goma

·Contributor
·1 minuto per la lettura
This general view taken on May 22, 2021 from Tchegera Island outside Goma on the lake Kivu in the East of the Democratic Republic of Congo shows flame spewing from the Nyiragongo volcano. (Photo by Alex Miles / AFP) (Photo: ALEX MILES via AFP)
This general view taken on May 22, 2021 from Tchegera Island outside Goma on the lake Kivu in the East of the Democratic Republic of Congo shows flame spewing from the Nyiragongo volcano. (Photo by Alex Miles / AFP) (Photo: ALEX MILES via AFP)

“Questa è casa mia” dice all’Huffpost Dario Tedesco, vulcanologo e consulente delle Nazioni Unite, qualche ora dopo essere atterrato a Goma, nella Repubblica Democratica del Congo. Qui l’eruzione del Nyiragongo, considerato tra i vulcani più pericolosi al mondo, sabato scorso ha spazzato via interi villaggi, lasciando dietro di sé 34 morti, un numero imprecisato di dispersi e distruzione. Tedesco è di casa in Congo da 26 anni e conosce benissimo la gente e il vulcano: “La situazione è precipitata nel momento in cui è stato emanato un rapporto dove si leggeva che l’eruzione sarebbe potuta avvenire in qualsiasi momento nel centro della città. Le autorità politiche sono state messe spalle al muro, non potevano far altro che ordinare l’evacuazione”.

Fa paura il Nyiragongo, ma non solo. Ci sono scosse continue, crepe nel terreno e la paura di potenti esplosioni dal sottosuolo. Fortunatamente, la lava non è arrivata nella città del Nord Kivu - dove a febbraio scorso hanno perso la vita l’ambasciatore italiano Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e l’autista che li stava trasportando - fermandosi a Buhene, qualche isolato più distante, a trecento metri dall’aeroporto della città, fondamentale centro di soccorso. Così come un importante snodo era costituito dall’autostrada, travolta dalla colata infuocata larga quasi cinquecento metri. “Quello che posso dire è che la situazione è fortemente precaria, la zona non era preparata”.

Mancano i servizi essenziali, acqua compresa, e Goma è senza elettricità, completamente al buio. Circa 3mila case sono state distrutte dalla lava. Ieri sono state evacuate circa 400mila persone, sui 650 mila abitanti di Goma, nella cui area urbana vivono circa 2 milioni di abitanti. Molti sono i bambini sfollati, nella fuga dive...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli