Fumata grigia su regole Vigilanza per i talk in guerra: no di FdI, ni M5S

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 11 mag. (askanews) - Fumata grigia nella riunione odierna dell'ufficio di presidenza, integrato dai rappresentanti dei gruppi, della commissione parlamentare di Vigilanza sulla Rai sulle nuove indicazioni per l'informazione in tempo di guerra. Il presidente della commissione, Alberto Barachini (FI), ha presentato un testo per le linee guida che la commissione intende indicare al servizio pubblico radiotelevisivo per la gestione dei talk show e dell'informazione.bozza "linee guida" per la Rai:

Secondo quanto racconta uno dei presenti alla riunione il testo recepiva le osservazioni fatte in precedenza dai vari gruppi parlamentari ed è stato apprezzato da Pd, Italia viva, Lega e Forza Italia. Fratelli d'Italia ha ribadito la sua contrarietà (lo ha fatto anche con una nota stampa a firma di Daniela Santanché, secondo la quale le forze di maggioranza pretendono "di fare i direttori e gli autori delle trasmissioni") mentre Primo di Nicola, a nome del M5S, avrebbe fatto notare che alcune delle regole indicate riguardano doveri del servizio pubblico che sono da ritenere "scontati", come la rotazione dei giornalisti e degli opinionisti e il fact-checking.

Dal Pd e altri esponenti di maggioranza è venuta quindi la richiesta indirizzata al M5S di mettere per iscritto le sue osservazioni sulla bozza di documento e di prendere posizione in modo più chiaro sul tema. La riunione è stata quindi aggiornata, i suoi protagonisti si rivedranno con ogni probabilità la prossima settimana.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli