Funerali Carrà, tra lacrime e fiori gialli: "Raffaella, goditi il meritato riposo nella fiesta del cielo"

·4 minuto per la lettura

“Raffaella, vai in pace e goditi il meritato riposo nella fiesta del cielo”. Sono le toccanti parole con cui uno dei frati cappuccini di san Giovanni Rotondo ha concluso l’omelia dei funerali di Raffaella Carrà, svoltisi oggi nella Basilica di Santa Maria in Aracoeli a Roma. “Raffaella credo ci lasci questo insegnamento, questo esempio”, ha aggiunto il cappuccino, “la consapevolezza che con il suo talento artistico poteva dare molto ad ogni persona, e che ogni persona è preziosa e meritevole di attenzione e di rispetto umano”.

Qualcuno in questi giorni “ha sottolineato il suo atteggiamento inclusivo - ha detto il frate - Tutti coloro che entravano in contatto con lei si sentivano compresi e accettati, mai un giudizio sprezzante ma solo un sorriso accogliente che raggiungeva l’altro, solo una carezza sincera”.

Il frate ha poi ricordato la devozione dell’artista a Padre Pio. “Quasi 20 anni fa, quando la Provvidenza ti portò a San Giovanni Rotondo, dicesti ‘io mi sto innamorando di Padre Pio’. Oggi mi piace immaginare che sia lui a riservarti una sorpresa favorendo il ricongiungimento con i tuoi cari, in particolare con la tua mamma, e con tuo fratello che le tue preghiere non riuscirono a strappare da una prematura morte”. E ancora: “La dignità e il silenzio con cui hai voluto congedarti da noi ci conferma il sentimento di grande affetto, di stima e di gratitudine che oggi vogliamo manifestarti”.

Una combo di alcuni momenti della cerimonia funebre per Raffaella Carrà svoltasi nella basilica di Santa Maria in Ara Coeli, Roma, 09 luglio 2021 (Photo: ANSA)
Una combo di alcuni momenti della cerimonia funebre per Raffaella Carrà svoltasi nella basilica di Santa Maria in Ara Coeli, Roma, 09 luglio 2021 (Photo: ANSA)

“La notizia della morte di Raffaella è risuonata come un fuoriprogramma amaro e doloroso. Raffaella combatteva contro un male che purtroppo l’ha spuntata, ma Raffaella non è scomparsa, si è solo spostata ‘un po’ più in là’, come una sua famosa canzone”, ha detto durante l’omelia il frate Francesco Di Leo, rettore della basilica di San Pio da Pietrelcina in San Giovanni Rotondo, al quale la Carrà e l’ex compagno Sergio Japino, devoti di Padre Pio, erano legati da un rapporto di amicizia.

Riposeranno a San Giovanni Rotondo (Foggia) le ceneri di Raffaella Carrà: ad annunciarlo lo stesso rettore del santuario di San Pio da Pietrelcina. “L’urna di Raffaella Carrà, per sua espressa volontà, sarà portata a San Giovanni Rotondo”, ha detto il frate sottolineando ancora “l’affetto e il legame dell’artista con il Santo cappuccino del Gargano”.

L’ex compagno Sergio Japino, l’ad della Rai Fabrizio Salini, Milly Carlucci, Massimo Lopez, Carmen Russo e Enzo Paolo Turchi, Michele Cucuzza, Beppe Convertini, Alessandro Greco sono stati tra i primi ad arrivare in Piazza del Campidoglio stamattina per i funerali della Carrà, che hanno avuto inizio alle ore 12.

“Quando ho sentito La notizia non riuscivo a smettere di piangere - ha detto Carmen Russo all’Ansa -. Raffaella ha insegnato l’arte a tutti noi, deve continuare a essere un esempio. Manca già a tutto il mondo”. Turchi, commosso ha ricordato di “aver iniziato con Raffaella e oggi manca come se avessi perso una sorella”. La basilica era già allestita con gli omaggi floreali (dominava il giallo, il colore preferito dell’artista e conduttrice) arrivati in questi giorni di Camera ardente. Il feretro di Raffaella Carrà, lasciata la camera ardente nella sala della Protomoteca e, passando per i Fori Imperiali, è arrivato presso la Basilica dell’Ara Coeli in Campidoglio.

- (Photo: ANSA)
- (Photo: ANSA)

L’arrivo è stato accompagnato da un lunghissimo applauso delle numerose persone che hanno assistito al funerale grazie a un maxi schermo posizionato in piazza. Ammiratori di tutte le età, maestranze del mondo dello spettacolo che con la Carrà avevano lavorato, gruppi della comunità Lgbt sono apparsi commossi assistendo alle esequie sotto il sole di questa calda giornata romana.

Intanto il comune di Bellaria-Igea Marina (Rimini) ha proclamato per oggi il lutto cittadino per la morte di Raffaella Carrà, che nella località era cresciuta e dove spesso tornava per fare visita a familiari e amici. “L’amministrazione - si legge in una nota - ha inteso così interpretare e tradurre il sentimento dell’intera comunità di Bellaria Igea Marina, conferendo anche una connotazione istituzionale al sentimento di sincero dolore provocato dalla scomparsa dell’amata Raffaella”. Dalle 12 alle 13.30, in occasione dei funerali celebrati a Roma, i negozi hanno sospeso l’attività in segno di rispetto nei confronti della concittadina scomparsa. Bandiere a mezz’asta sono state esposte dagli edifici pubblici, mentre sono state sospese le manifestazioni pubbliche in programma nell’arco della giornata.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli