I funerali della madre di Di Battista: “Mi diceva di leggere Travaglio”

funerali madre alessandro di battista

Una folla commossa si è stretta intorno ad Alessandro Di Battista nel giorno dei funerali della madre Maria Grazia, morta la sera di domenica 10 novembre. La funzione è stata celebrata nella parrocchia di Santa Chiara, a Vigna Clara. Presenti diversi esponenti del M5s, dal leader Luigi Di Maio alla sindaca della capitale Virginia Raggi, fino a Paola Taverna, Nicola Morra e Gianluigi Paragone. A fianco di Di Battista si sono stretti anche svariati ministri del governo Conte bis: Alfonso Bonafede, Vincenzo Spadafora, Fabiana Dadone e Federico D’Incà, oltre all’ex ministro Danilo Toninelli. Insieme a loro anche i sottosegretari Manlio Di Stefano, Riccardo Fraccaro e Stefano Buffagni.

Alessandro Di Battista, i funerali della madre

Durante l’ultimo saluto, il parroco di Santa Chiara ha ricordato la signora Maria Grazia per la sua fede incrollabile. Alessandro Di Battista – visibilmente commosso per tutta la durata dei funerali e in particolare durante il suo discorso – ha invece rievocato alcuni aneddoti della loro vita insieme. Fino all’ultimo, era lei a segnalargli, di mattina, quali giornali leggere e su quali articoli soffermarsi. “‘Leggi subito Travaglio’, mi diceva. E io lo facevo”, ha dichiarato con un sorriso.

Dall’ingresso in politica ai viaggi all’estero, Di Battista ha ricordato come la madre lo abbia sostenuto in tutte le sue scelte. Compresa quella, recente, di lasciare l’Italia alla volta dell’Iran, da dove però è dovuto tornare dopo solo quattro giorni proprio a causa dell’aggravarsi delle sue condizioni di salute.

Infine, il pentastellato ha sottolineato l’importanza che il governo e tutte le istituzioni si spendano per sostenere i familiari delle persone affette da tumore, con particolare attenzione a quei nuclei familiari che “non hanno i mezzi per sostenere i costi di una persona che faccia assistenza al malato”.

Le parole di Di Maio

Sono parole d’affetto, da amico e collega, quelle scritte da Luigi Di Maio sulla propria pagina Facebook, con cui ricorda gli anni trascorsi al fianco di Di Battista (“Conosco Alessandro dal primo giorno che ho messo piede a Roma da parlamentare”) e lo definisce “un combattente che non molla mai. Sono sicuro che in questi momenti starà trovando le forze per prendersi cura di tutta la sua famiglia. Tutto il Movimento ti abbraccia e ti manda tanta forza”.