I funerali di Franca Valeri, l'attrice scomparsa a 100 anni

·2 minuto per la lettura
Franca Valeri funerale
Franca Valeri funerale

Sarà il teatro Argentina di Roma a ospitare la camera ardente di Franca Valeri, icona italiana del teatro, del cinema e della televisione deceduta domenica 9 agosto all’età di 100 anni: il funerale si svolgerà invece in forma privata.

Franca Valeri: camera ardente e funerale

La camera ardente per dare l’ultimo saluto alla donna sarà allestita lunedì 10 agosto dalle 17 alle 21 proprio nel luogo in cui l’attrice aveva tenuto il suo ultimo grande spettacolo, motivo per cui i familiari lo hanno scelto. Alla messa in scena aveva partecipato anche l’attore Urbano Barberini, che ha condiviso il palco con lei gli ultimi 20 anni e ha ricordato che “è stato lì che abbiamo fatto il nostro ultimo spettacolo e ci sembrava il posto più adeguato“.

Stefania Bonfadelli, la figlia, ha chiesto a chiunque volesse portare dei fiori per omaggiare la madre di optare sulle donazioni al rifugio per cani abbandonati Franca Valeri Onlus. La donna era infatti talmente amante degli animali da aver istituito un’associazione a suo nome a cui teneva moltissimo.

I messaggi di cordoglio

Dalla politica allo spettacolo, sono moltissimi i volti che hanno condiviso un messaggio per omaggiare la grande artista. Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella l’ha definita un’attrice versatile e popolare che rimarrà nel cuore degli italiani per la sua grande bravura e la sua straordinaria simpatia. Il Premier Giuseppe Conte, dopo aver espresso profonda tristezza per la sua scomparsa, ha parlato di lei come di un’icona del teatro, della cultura e dello spettacolo italiani. “Ci ha regalato indimenticabili momenti di comicità e di pensiero, di eleganza e di arguzia. Le siamo grati per tutti questi doni“, ha aggiunto.

Alessandro Gassman l’ha salutata con un semplice “Ciao Franca” mentre Mariasole Tognazzi ha ringraziato la “donna meravigliosa” ammettendo che avrebbe voluto averla per altri cento anni. Anna Foglietta ha poi affermato che l’attrice sarà sempre oltre il tempo e che il compito è ora quello di onorarne la memoria raccontando ai giovani chi era e cosa ha rappresentato per le donne, per il teatro, per la cultura e per la vita. Rita Pavone ha infine ricordato come il tributo ad una grande artista sia avvenuto mentre era ancora in vita e non dopo la morte come spesso avviene: “Ciò ti ha permesso di vedere quanta gente ti amasse e ti stimasse“.