Funerali Luca Sacchi: “La sua morte ha fatto morire anche noi”

funerali luca sacchi

Nella giornata di mercoledì 6 novembre si sono svolti a Roma i funerali di Luca Sacchi, il 24enne ucciso con un colpo di pistola fuori da un locale della capitale. Nel momento dell’omicidio si trovava insieme alla sua fidanzata Anastasiya, assente all’ultimo saluto. La chiesa del Santissimo nome di Maria all’Appio è gremita di persone che si stringono intorno alla famiglia di Luca in un momento di grande dolore. L’arrivo del feretro, infatti, è stato accolto da lacrime e sconforto. “La mamma non si stacca più” hanno detto i parenti nel momento in cui si è avvicinata alla bara del figlio. Anche la nonna, però, è costernata dal dolore. Vicino alla bara all’interno della chiesa è stato posizionato un mazzo di rose bianche.

Funerali Luca Sacchi

Il parroco che ha celebrato i funerali di Luca Sacchi nella chiesa di Roma ha detto: “La morte di Luca ci ha colpito. In un certo senso ci ha fatto morire anche a noi”. Sono tantissime le persone presenti in zona Appio Latino, nella chiesa del Santissimo nome di Maria. L’unica grande assente è la fidanzata Anastasiya. “Il perdono è un’espressione d’amore” ha proseguito il prete. “Non c’è libertà senza legge e i giovani vogliono essere liberi. Auguro a tutti, a me compreso, che la morte di Luca sia per tutti motivo di vita. Che attraverso la sua morte possiamo rispondere alle parole di Gesù: credi tu? Credo”.

Gli amici del giovane 24enne lo hanno omaggiato arrivando con le loro moto davanti alla Chiesa. Rombo di motori per ricordare quello che a Luca piaceva moltissimo. Roberto, invece, il cugino ha detto: “Ancora oggi non riesco a realizzare quello che è accaduto. Non è giusto che accadano cose del genere alle persone buone in un mondo ormai allo sbaraglio”. Con commozione ha poi proseguito il suo pensiero: “Luca era un ragazzo d’oro che tutti i genitori avrebbero voluto come figlio. Sempre sorridente. Ognuno di noi ha un destino, ma questo è troppo. Non abbandonare mai tuo padre, tua madre e Federico. Da oggi sarai il loro angelo. Non ti dimenticheremo mai”.