Furbetti del cartellino, 30 indagati alla "Casa di cura di... -2-

Red/Cro/Bla

Roma, 6 set. (askanews) - È stato accertato che, in media, ciascun dipendente arrivava ad assentarsi anche per diverse ore al giorno, su un orario previsto giornaliero di 6 ore di servizio. Molti impiegati giungevano la mattina con oltre 2 o 3 ore di ritardo e senza neppure dover firmare l'apposito brogliaccio: il collega d'ufficio aveva, infatti, già provveduto a firmare per loro in entrata.

Poi, ovviamente, i colleghi "ritardatari" della mattina ricambiavano, all'uscita, il favore a chi aveva firmato in ingresso; in tal modo diversi impiegati potevano abbandonare ingiustificatamente il proprio ufficio con largo anticipo e senza neppure dover registrare la fine del proprio turno di servizio. Alcuni impiegati, addirittura, "coperti" da colleghi d'ufficio, non si presentavano neppure sul luogo di lavoro risultando regolarmente in servizio.

(Segue)