Furto di magliette, giudice: erano regalo a sorpresa per Carta

Fcz

Milano, 19 nov. (askanews) - Le 6 magliette rubate il 31 maggio scorso alla Rinascente di Milano erano un "regalo di compleanno a sorpresa" destinato Marco Carta da parte della sua amica Fabiana Muscas. E' il particolare inedito che emerge dalle motivazioni della sentenza che il 31 ottobre scorso portò all'assoluzione del cantante, vincitore dell'edizione 2009 del Festival di San Remo, dall'accusa di concorso in furto aggravato "per non aver commesso il fatto".

"Il movente dichiarato da Fabiana Muscas, consistente nel fare un regalo di compleanno a sorpresa a Marco Carta, corrisponde a un'eventualità non certo remota nè congetturale, bensì oggettivamente riscontrata nel caso concreto, poichè coerente con l'effettiva data di compleanno di Marco Carta, dieci giorni prima del fatto", si legge nel provvedimento firmato dal gudice di Milano, Stefano Caramellino, che precisa come dagli atti di indagine non sia emersa nessuna "attendibile prova diretta che l'imputato fosse consapevole di dare un obiettivo apporto, materiale o psicologico, al tentato furto delle sei maglie". La posizione di Fabiana Muscas, l'inferimiera di 53 anni che si trovava insieme a Carta al momento del furto nel grande magazzino milanese, è stata stralciata dopo la richiesta del suo legale di concederle la messa alla prova: 52 settimane di lavori socialmente utili in un'associazione di Cagliari che si occupa di donne vittime di tratta. Il processo che la vede imputata per furto aggravato proseguirà il 17 dicembre.