Furto di magliette, il pm: a Carta a 8 mesi e 400 euro di... -2-

Fcz

Milano, 31 ott. (askanews) - La requisitoria della pubblica accusa e le arringhe difensive sono state precedute dalla proiezione in aula dei filmati ripresi dalle telecamere di sicurezza del grande magazzino milanese. Secondo i difensori del 34enne, sono proprio quei video a scagionare il cantante: "Non si sono dubbi sulla dinamica. Dalla proiezione - hanno sottolineato i due legali al termine dell'udienza - si vede chiaramente che è Fabiana Musas a entrare nel camerino e non c'è prova che sia stato Carta ad lasciare in bagno le placche antitaccheggio". Muscas è l'infermiera di 53 anni amica di Carta imputata insieme a lui per il "colpo" alla Rinascente (la refurtiva venne trovata nella sua borsa). La donna (che a differenza del cantante si vide convalidare dal giudice l'arresto chiesto dalla procura) ha chiesto la messa alla prova (52 settimane di lavori socialmente utili in un'associazione di Cagliari che si occupa di donne vittime di tratta) e la sua posizione è stata stralciata. Il processo che la vede imputata per furto aggravato proseguirà il 17 dicembre.