Fusacchia: buon impianto dl scuola, diverso da sanatoria Bussetti

Pol

Roma, 14 nov. (askanews) - "Il decreto Scuola ha un buon impianto e presenta differenze sostanziali rispetto alla sanatoria che aveva proposto l'ex ministro Bussetti". Lo ha dichiarato Alessandro Fusacchia, deputato del gruppo Misto eletto all'estero e membro della VII Commissione, alla conferenza stampa convocata dalla maggioranza sul decreto Scuola.

"Abbiamo lavorato - ha aggiunto - con grande spirito di collaborazione per rispondere ad aspettative legittime e diverse: da un lato quella dei precari ad avere certezze sul proprio futuro, dall'altra quella di tanti giovani che vogliono insegnare a potersi mettere in gioco, e in definitiva di tutti gli insegnanti a vedersi riconosciuto il ruolo sociale che spetta loro".

"Il dato da cui partiamo - ha sottolineato - è quello drammatico delle supplenze. Non ce ne sono mai state tante come oggi. Tante graduatorie ad esaurimento si sono ormai esaurite e però non abbiamo fatto tutti i concorsi che sarebbero serviti. Il precedente Governo era intenzionato ad inaugurare una stagione di sanatorie, ora torniamo a concorsi ordinari.

"Il concorso straordinario innova su un punto centrale: ci sarà una prova scritta iniziale e poi l'orale soltanto dopo un anno di insegnamento e dopo anche un percorso di acquisizione di crediti formativi per colmare eventuali lacune. Questo meccanismo manda un messaggio molto importante: non ti valuto per come ti senti quel giorno, ma per la tua voglia e capacità di metterti in gioco per un anno intero. Ho proposto ai colleghi della maggioranza di rafforzare questo percorso straordinario, a partire proprio dalla prova finale, e ho avuto una risposta molto positiva da tutti", ha concluso il deputato.