Fusacchia-Muroni: il ministro Fioramonti non si dimetta

Pol/Bar

Roma, 18 dic. (askanews) - "Si parla molto in queste ore delle probabili dimissioni del ministro MIUR Lorenzo Fioramonti. I 3 miliardi richiesti dal Ministero per la Scuola, Università e Ricerca non ci saranno. Sulla legge di Bilancio se ne prevedono 2 miliardi: la maggior parte per il rinnovo del contratto docenti. Niente per università e ricerca". E' quanto si legge in una nota congiunta firmata dai deputati Rossella Muroni (LeU) e Alessandro Fusacchia (Misto-+Europa), diffusa dall'ufficio stampa di quest'ultimo.

"Queste dimissioni non servono - hanno spiegato - perdiamo un ministro con una visione sulla scuola, capace di lavorare su un nuovo progetto formativo per le nuove generazioni con al centro lo sviluppo sostenibile e il contrasto alle disuguaglianza. Cambiando ministro i problemi non verranno risolti e i 3 miliardi, che servono, continueranno a esserci. Se Fioramonti se ne va ricominciamo da capo".

"Invece di dimettersi e legittimamente rivendicare la propria coerenza, Fioramonti chieda più coraggio a questo Governo - hanno scritto ancora Fusacchia e Muroni - così come molti di noi in Parlamento stiamo chiedendo più coraggio al Parlamento, e come in definitiva tutti insieme possiamo chiedere a chi, in questo momento, guida le forze politiche di maggioranza. Chieda coraggio e metta sul tavolo richieste ambiziose. Crediamo troverebbe più di una sponda. E magari qualcosa potrebbe succedere davvero".