Fvg, Bini: export regione danneggiato da dazi nel mondo

Fdm

Trieste, 8 ott. (askanews) - "I dazi non fanno mai bene al libero mercato e, in particolare, a una regione esportatrice come il Friuli Venezia Giulia". Lo ha sottolineato l'assessore regionale ad Attività produttive e Turismo, Sergio Emidio Bini, intervenendo sulle ricadute delle politiche protezionistiche adottate dagli Usa sull'economia Fvg a seguito della condanna del Consorzio Airbus da parte dell'Organizzazione mondiale del commercio. Nel rimarcare la necessità di "individuare un punto di intesa tra le potenze mondiali, nell'interesse esclusivo delle imprese e dei lavoratori", Bini ha richiamato l'attenzione sul valore dell'export del Friuli Venezia Giulia verso gli Stati Uniti. "Un mercato da 1,5 miliardi di euro l'anno - ha evidenziato l'assessore - che rischia pesanti contraccolpi per un'iniziativa determinata non dalla negligenza del nostro Paese bensì di alcuni partner europei". "Un quadro preoccupante - secondo Bini - che, sebbene non colpisca prodotti quali il formattio Montasio e il prosciutto San Daniele, pone ugualmente in allarme il tessuto produttivo regionale". L'auspicio dell'assessore è dunque di "superare la stagione delle sanzioni, liberalizzando gli investimenti e il commercio non solo al di là dell'Atlantico ma anche ad Est, dove troppe imprese italiane subiscono il giogo delle misure restrittive adottate nei confronti della Russia".