Fvg, Callari: ok giunta a nuovo ddl semplificazione

Fdm

Trieste, 13 gen. (askanews) - "A partire da quest'anno, entro il 30 aprile, ogni dodici mesi la Giunta presenterà al Consiglio regionale un disegno di legge di semplificazione con l'obiettivo di soddisfare l'esigenza dei cittadini di avere norme chiare, trasparenti e facilmente consultabili, oltre che realmente utili alla loro vita". Così l'assessore regionale ai Servizi generali del Friuli Venezia Giulia, Sebastiano Callari, oggi a Trieste a margine della riunione di Giunta che ha visto l'approvazione, su proposta dello stesso Callari, del ddl "Semplifica Fvg 2020".

Come spiegato dall'assessore, il provvedimento di fatto supera il precedente disegno normativo n.66 dello scorso ottobre, le cui disposizioni intersettoriali sono state in buona parte assorbite dalla collegata alla finanziaria. "In ragione di questo fatto, coerentemente al principio della semplificazione, abbiamo scelto - ha detto Callari - di non emendare il testo precedente con la creazione di un appesantimento legislativo, ma di passare a una nuova norma, priva di difficoltà interpretative, costituita una serie limitata di articoli, comprensibili anche ai non addetti ai lavori, rinviando i futuri interventi legislativi di semplificazione settoriale a quei prossimi atti che verranno d'ora in avanti inseriti nel corpo delle leggi di semplificazione annuali". Come sottolineato ancora dall'assessore, proprio questa produzione normativa calendarizzata ogni dodici mesi andrà a sostituire i testi di cosiddetta manutenzione (leggi omnibus), "al fine di arginare il disordine legislativo e migliorare i rapporti con le imprese e gli stessi cittadini". "Lo si può fare - ha continuato Callari - evitando che i processi di stratificazione legislativa e le difficoltà di interpretazione delle procedure vadano ad ostacolare lo sviluppo economico ponendosi come effettivo freno alla competitività del Friuli Venezia Giulia". Nel dettaglio, il ddl Semplifica Fvg 2020 istituisce il Comitato permanente alla semplificazione, il quale avrà il compito di individuare le materie oggetto di intervento, coordinare le relative attività amministrative, promuovere l'adozione di direttive in materia e compiere un monitoraggio su quanto fatto dalle singole direzioni in ambito di semplificazione. Inoltre al Comitato viene attribuita la funzione di coordinare la predisposizione del disegno di legge di semplificazione che la Giunta dovrà presentare al Consiglio regionale entro il 30 aprile di ogni anno. Nella seconda parte dell'articolato il provvedimento licenziato oggi dall'Esecutivo regionale prevede la realizzazione di banche dati da utilizzare nel rapporto con i privati relativamente agli uffici di riferimento per i vari procedimenti amministrativi e, in maniera analoga, per quel che riguarda il funzionamento degli strumenti per la concessione di contributi e di incentivi economici.